6.3 C
Asti
domenica, 25 Febbraio 2024

“Villafranca Domani” vota contro il bilancio consuntivo 2012 del Comune

CONTI A RISCHIO

Lunedì sera, lo scorso 29 aprile, il consiglio comunale si è riunito per deliberare sul bilancio consuntivo 2012 del Comune.  I conti chiudono con un avanzo di amministrazione di 259 mila euro. Questo farebbe dire che tutto va bene ma in realtà non è così. L’avanzo è determinato dalla grossa mole di crediti che il Comune non riesce ad incassare, in particolare quelli derivati dalla tariffa rifiuti. Nel bilancio del Comune ci sono crediti vecchi anche di 12 anni. Perché? L’amministrazione non si è mai preoccupata di recuperare questi soldi. Non si è mai preoccupata di capire quanta parte del fenomeno è dovuto all’evasione fiscale e quanta parte a situazioni di difficoltà economica reale. Sappiamo che al governo comunale piace di più la ricerca del consenso a buon mercato, piuttosto che affrontare i problemi e l’evasione fiscale. Già lo scorso anno, “Villafranca Domani” aveva evidenziato il problema tra lo stupore dell’amministrazione. La maggioranza avrà mai letto il bilancio? Dopo sei mesi, sono riusciti a mandare una banalissima lettera di sollecito a quanti risultavano non aver pagato. Sei mesi per scrivere semplicissima lettera che avrebbe richiesto, si e no, una decina di minuti. Non c’è nulla da stupirsi se gli incassi sui crediti sono stati modesti: 68 mila euro della massa esistente all’1.1.2012. Per la gran parte riferiti ai crediti 2010 e 2011. Comunque, appena il 23%. Percentuale che sale al 29 si considerano le somme pervenute nei primi 4 mesi del 2013. Si tratta di soldi sempre riferiti nella maggior parte alla tariffa 2010 e 2011.  E’ evidente che incassare dopo che sono passati molti anni è particolarmente difficile. Purtroppo, alla mole dei crediti in essere si sono aggiunti quelli di competenza del 2012. L’amministrazione ha dovuto ammettere il problema, bloccando una parte dell’avanzo per coprire crediti di difficile esigibilità e cancellandone definitivamente altri per 23 mila euro. Ora starebbe valutando se ricorrere agli atti legali. Ci stupisce il fatto che il revisore dei conti non abbia mai rilevato questa situazione. Cosa vuol dire tutto ciò? Che la situazione bilancio comunale è precaria: l’avanzo non potrà essere utilizzato per nuove iniziative perché dovrà essere bloccato per sostenere altre svalutazioni dei crediti. Serve un’operazione “pulizia” urgentissima che deve essere compiuta in questo mandato amministrativo. “Villafranca Domani” ha votato contro il bilancio consuntivo. Cliccate qui sotto per leggere l’intervento che ho illustrato in consiglio comunale. Ovviamente, troverete l’insieme delle considerazioni che ho fatto. In particolare, quelle sulla Valtriversa che “Villafranca Domani” considera l’unica soluzione possibile per dare un futuro al nostro territorio.

i motivi per cui “Villafranca Domani” ha votato contro il bilancio consuntivo 2012

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI