12.1 C
Asti
venerdì, 12 Aprile 2024

Disco orario su tutta via Roma? L’amministrazione comunale sembra d’accordo con la nostra proposta. Se ne parlerà il 4 dicembre. Nessuna decisione per via S. Elena

E I PEDONI?

Come sapete, l’amministrazione comumale si è rimangiata l’abolizione dei parcheggi nel tratto di via Roma tra il municipio e via S. Elena. Con una tecnica scontata e piuttosto patetica, nell’ultimo consiglio comunale del 13 novembre scorso hanno tentato di ironizzare sulle seicento firme raccolte dai commercianti a sostegno del ripristino dei parcheggi. Hanno messo in dubbio che fossero reali e convinte. Chissà cosa penseranno i titolari dei negozi della considerazione che il Comune ha per loro? La presa di posizione dei commercianti e la nostra mozione hanno ottenuto altri importanti risultati. L’impegno a introdurre il parcheggio con disco orario su tutta la via. Se ne parlerà in un incontro pubblico previsto per il 4 dicembre. Verranno segnati gli stalli per evitare la sosta disordinata. Ipotesi di soluzione anche per il tratto di via davanti alla casa di riposo. Noi avevamo chiesto il ripristino dei parcheggi per non autosufficienti per favorire quanti portano o vanno a prendere anziani con le loro auto e per limitare la pericolosa sosta senza regole, ormai diventata abitudine. L’amministrazione ha accettato di considerare almeno il posizionamento di dissuasori, fioriere o panchine. Nulla di deciso per i dissuasori a protezione dei marciapiedi, almeno nella parte di via Roma interessata al ripristino dei parcheggi. Sindaco e vice non li vogliono, preoccupati per le portiere delle auto, non per i pedoni. Posizionarli in modo consono agli stalli? Troppo difficile. Qualche apertura dall’assessore Paolone, che ammette i rischi per chi va a piedi all’incrocio con via S. Elena. Nessuna decisione sulla revisione della viabilità proprio di via S. Elena, che il vice sindaco considera una questione troppo complessa. Provare a progettare soluzioni, confrontarle e scegliere? Troppo difficile per amministratori a fine mandato.

Una precisazione. La nostra mozione non è stata votata. A fronte degli sviluppi ottenuti anche con le nostre proposte, abbiamo preferito ritirarla. Verificheremo come si muoverà nel concreto l’amministrazione e saremo pronti a ripresentarla se necessario. Il sindaco ha detto che se l’avessimo votata, lui avrebbe proposto di respingerla. Una bella contraddizione: ne accettava parte dei contenuti ma era disposto a votare contro… altro che politica capace di guardare avanti. Qui siamo molto indietro.

1 commento

  1. Vorrei fare alcune precisazioni e considerazioni(del tutto personali) :1)nell’incontro ,di cui mi è arrivato l’invito, si parla solamente del tratto via Daffara via Tamietti e non di tutta via Roma. 2)anch’io ritengo che 600 firme raccolte al volo su 3000 abitanti e non so quanti maggiorenni siano un pochino troppe(con un tale seguito e carisma tra i promotori dell’iniziativa avremmo già il futuro sindaco senza dover contare le schede).3)precisiamo una volta per tutte che l’associazione artigiani commercianti NON esiste dal giorno (scusate non ricordo la data ma il sig. Trova sicuramente ha la mia lettera con dimissioni irrevocabili dal consiglio direttivo messa agli atti ) in cui è caduto il consiglio e non ne è mai stato eletto un altro. 4)chi ha effettuato la chiusura del negozio lo ha fatto nel giorno di chiusura o di mezza giornata di lavoro ( io lo avrei fatto di martedì per esempio…ops ..scusate dimenticavo che perdevo l’incasso!!!) 5)10 /11 anni fa(e allora qualcuno in via Roma c’era ancora che girava) io avevo fatto una proposta per discutere dei problemi posteggio , anche solo alcuni a tempo davanti alle attività, purtroppo non se ne è potuto neanche parlare visto il disinteresse TOTALE dei commercianti e specialmente da parte di quelli che considerano via Roma solo il tratto municipio chiesa, la morale è che ognuno pensa solo al suo piccolo o grande orticello e solo quando pestano i piedi a lui personalmente “forse ” si muove .vorrei ricordare che c’erano più attività nel “meridione” di via Roma che non nel tratto “vip”. 6) ritengo che la “colpa ” sia un po di tutti ,del nostro modo di essere ,di come siamo diventati o sempre stati, io per primo perchè non ho avuto la forza di portare avanti un discorso che ritenevo giusto , ma come sa chi mi conosce ,sono poco diplomatico (non ritengo maleducato ma diretto ) e questo modo di essere spaventa un pochino nella visione del mondo di oggi. concludo e mi scuso per essermi dilungato troppo ma è dura combattere per una vita contro i mulini a vento in una società dove se non sopraffai un altro sei una nullità. posso solo dire che non mi sono mai piegato ma anche che a 55 anni hai le ossa rotte e fanno veramente male ..credetemi… Sergio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI