31.9 C
Asti
martedì, 23 Luglio 2024

Casa della salute: risposte burocratiche e nessuna chiarezza sui tempi

FACILI ENTUSIASMI

Apprendiamo dai giornali che il ministero della salute ha scritto al sindaco villafranchese per garantirgli che sarebbe “in corso di perfezionamento il decreto dirigenziale per l’ammissione al finanziamento” relativo ai soldi che mancano per finire la casa della salute. Soldi che verranno dati alla Regione ma quando non si sa. Risposta burocratica che dice nulla di concreto ad una lettera del sindaco a Renzi, oh perbacco, fatta solo per essere usata nella campagna elettorale per le elezioni comunali. Soprassediamo sul fatto che quanto scrive il ministero sia stato passato prima ai giornali  e non dato ai consiglieri comunali, anche a quelli brutti e cattivi dell’opposizione. Esiste la posta elettronica, se qualcuno non l’avesse notato. Il rispetto istituzionale non ha mai fatto parte del bagaglio dei nostri amministratori di maggioranza. Lo sappiamo. Mentre la ricerca del consenso facile e dell’immagine sono sempre state le loro principali preoccupazioni. Mi piacerebbe vedere attenzione su un fatto di cui nessuno parla: quali servizi verranno messi all’interno della casa della salute? Come “Villafranca Domani” sono anni che facciamo questa domanda, ottenendo silenzio o risposte evasive. Il fabbricato, che già mostra i segni dell’abbandono, presto o tardi, verrà anche aperto. Ma se ci metteranno dentro quanto ora è nel distretto sanitario di  via Luotto, o magari qualcosa di meno visto che siamo in epoca di tagli un po’ alla volta, che vantaggio ci sarà per la gente del nostro paese e per il territorio? Nessuno. Per questo, crediamo che tutti i Comuni e le forze sociali debbano mobilitarsi e chiedere con forza un incremento dei servizi socio sanitari territoriali ad Asl e Regione. Qui la Valtriversa unita sarebbe stata fondamentale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI