21.6 C
Asti
sabato, 25 Maggio 2024

abbiamo la possibilità di cambiare

CREARE FUTURO

Serve un nuovo modello di gestione dell’attività comunale. Quello attuale non ha più futuro. Siamo come un’azienda il cui prodotto è ormai fuori mercato e dove i costi non sono più proporzionati al risultato. Bisogna riorganizzarsi. Altrimenti si chiude. Bisogna avere una visione di futuro. Non basta più “tirare a campare”, sperando in qualche regalo dall’alto che metterà a posto tutto. Regali non ne arriveranno ed i problemi aumenteranno. Una casa si costruisce dalle fondamenta e da un progetto complessivo, non dal quadro che vorremmo mettere in salotto. Per questo bisogna pensare ai risultati nei prossimi dieci, vent’anni.  Stiamo a guardare o scegliamo di fare qualcosa? Noi di “Villafranca Domani” vogliamo fare. Bisogna evitare aumenti delle tasse, anzi bisogna lavorare per abbassarle. Ma per abbassarle bisogna abbassare i costi, mettendo tutti i servizi comunali nella Valtriversa e risparmiando sui costi dell’energia. Serve attenzione alla qualità dell’ambiente perché crea posti di lavoro, valorizza le proprietà e rende piacevole vivere il territorio. Bisogna pensare ad una casa di riposo che sappia dare servizi domiciliari, e quindi venire incontro a tutti quelli che hanno pensioni basse: è una cosa che possiamo fare noi, a livello locale. Più servizi alle persone, più occasioni di nuovo lavoro. Coinvolgere in lavori socialmente utili chi ha perso l’occupazione ma ha una famiglia da mantenere: possiamo farlo come Unione. Dare ai giovani la possibilità di diventare la nuova classe dirigente capace di contare nelle scelte: questo possiamo realizzarlo solo se li facciamo entrare attivamente nelle istituzioni e non li usiamo per portare voti e poi li buttiamo via, come è capitato spesso a Villafranca. Diamo ai giovani gli strumenti per apprendere una cultura fatta di impegno civile, di tolleranza e di partecipazione, magari favorendo il loro inserimento nel volontariato e migliorando le opportunità che possono trovare attraverso la scuola. Senza giudicarli se amano fare cose diverse dalle nostre. Servono soluzioni per la sicurezza, sia intesa come controllo e gestione del territorio, sia come viabilità. Quindi vigili della Valtriversa che siano presenti sulle strade, e non occupati a fare gli impiegati, con una protezione civile formata e capace di intervenire nelle emergenze reali. Serve il coordinamento delle forze di sicurezza gestito dal Comune. Servono manutenzioni per evitare i danni dell’incuria. Siamo per un territorio unito, capace di fondersi in un unico Comune in pochi anni: per questo vogliamo tornare in Valtriversa e ritrovare il dialogo con i Comuni vicini. Da soli siamo deboli e perdenti. Siamo per il pieno esercizio dell’autonomia e delle responsabilità che questo comporta. No alla passività.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI