14 C
Asti
mercoledì, 22 Maggio 2024

2 giugno: la festa della Repubblica ed i contenuti della Costituzione

LA LIBERTA’ E’ COME L’ARIA

Oggi è il 2 giugno, festa della Repubblica. Mi piacerebbe ricordare il significato di questa data citando le parole di Piero Calamandrei (1889-1956, membro dell’assemblea costituente e della commissione incaricata di redigere il testo della Costituzione) dal discorso che lo stesso fece agli studenti universitari milanesi il 26 gennaio 1955:

Però, vedete, la Costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La Costituzione è un pezzo di carta: la lascio cadere e non si muove. Perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile, bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità. Per questo una delle offese che si fanno alla Costituzione è l’indifferenza alla politica, l’indifferentismo, che è, non qui, per fortuna, in questo uditorio, ma spesso in larghe categorie di giovani, è un po’ una malattia dei giovani, l’indifferentismo. “La politica è una brutta cosa, che me ne importa della politica.” Quando sento fare questo discorso mi viene sempre in mente quella vecchia storiella che qualcheduno di voi conoscerà: di quei due emigranti, due contadini che traversavano l’oceano su un piroscafo traballante. Uno di questi contadini dormiva nella stiva e l’altro stava sul ponte e si accorgeva che c’era una gran burrasca con delle onde altissime, e il piroscafo oscillava. Allora questo contadino, impaurito, domanda a un marinaio “ma siamo in pericolo?” e questo dice “se continua questo mare tra mezz’ora il bastimento affonda”. Allora lui corre nella stiva a svegliare il compagno e dice “Beppe, Beppe, Beppe! Se continua questo mare tra mezz’ora il bastimento affonda” e quello dice “che me ne importa, n’è mica mio!” questo è l’indifferentismo alla politica. 

È così bello, è così comodo, la libertà c’è, si vive in regime di libertà, c’è altro da fare che interessarsi di politica – eh lo so anch’io – il mondo è così bello, ci son tante belle cose da vedere e da godere oltre che occuparsi di politica e la politica non è una piacevole cosa però la libertà è come l’aria, ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare, quando si sente quel senso di asfissia che gli uomini della mia generazione hanno sentito per vent’anni e che io auguro a voi, giovani, di non sentire mai e vi auguro di non trovarvi mai a sentire questo senso di angoscia, in quanto vi auguro di riuscire a creare voi le condizione perché questo senso di angoscia non lo dobbiate provare mai. Ricordandovi ogni giorno che sulla libertà bisogna vigilare, vigilare, dando il proprio contributo alla vita politica. 

La Costituzione, vedete, è l’affermazione scritta in questi articoli, che dal punto di vista letterario non sono belli, ma è l’affermazione solenne della solidarietà sociale, della solidarietà umana, della sorte comune che se va a fondo, va a fondo per tutti, questo bastimento. È la carta della propria libertà, la carta per ciascuno di noi della propria dignità d’uomo.

Sono parole attualissime e vere. Non hanno bisogno di tanti commenti perché sembrano scritte oggi. Bisogna riproporle ai giovani, creando occasioni, anche locali, per conoscere i contenuti della Costituzione, nella speranza che siano proprio loro, a tutti i livelli, a chiedere che venga realmente applicata in tutte le sue parti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIMI ARTICOLI